Ricerca sulla prima rivoluzione industriale

Postato il Aggiornato il


ho dedicato quest articolo alla prima rivoluzione industriale, cliccate qui per l’ articolo riguardo la seconda rivoluzione industriale. spero vi sia uile, se vi è piaciuto ricordatevi di commentare e mettere mi piace alla fine dell’ articolo! sotto la ricerca:

La prima rivoluzione industriale è un grande cambiamento, che riguarda soprattutto il settore tessile e metallurgico, che porta ad un sistema industriale moderno caratterizzato dall’uso di macchine, spesso azionate da fonti di energia come i combustibili fossili (carbone, petrolio etc.). La prima rivoluzione industriale  va dal 1760 al 1830 circa, e ha origine dal miglioramento del sistema dei trasporti in inghillterra. in questo modo infatti è possibile avere un migliore circolazione dei beni, in questo modo l’ economia divenne sempre più fiorente e nacque quindi la rivoluzione industriale. inoltre con la costruzione di canali artificiali si potevano trasportare materiali difficile da portare con i carri, come il carbone.

il sttore che che si sviluppò maggiormente fu quello tesssile, infatti si introdussero moltissimi macchinari molto importanti, che migliorarono il tempo impiegato per produrre tessuti. Questi nuovi strumenti sono: la spoletta volante (arnese che accentuava la meccanizzazione del telaio), la giannetta, che moltiplicava la velocità di tessitura fino a 24 volte ed infine il filatoio idraulico, che moltiplica la velocità di tessitura fino a 100 volte. un esemipio che fa capire quanto si riuscisse a velocizzare il lavoro è il confronto fra inghilterra (il paese più industrializzato del periodo) e l’ India (uno dei meno industrializzati) nel primo caso per produrre 100 libbre di cotone si impiegavano 135 ore di lavoro, mentre nel secondo caso 100.000!. il cotone era il tessuto più adatto per questa lavorazione, infatti era abbastanza resistente, non come la lana che si spezzava durante la lavorazione.

Le innovazioni riguardanti il settore metalmeccanico sono invece la laminazione e il puddellaggio, che sono nuovi metodi di lavorare il metallo. Quest’ ultimo era un trattamento che si faceva al metallo sciogliendolo e mischiandoci sostanze che lo purificavano, mentre il primo serviva a purificare ulteriormente e a dare la forma prestabilita al metallo.

per tutte queste macchine serviva però molta energia, e visto che il legno era molto costoso si preferì l’ utillizzo del carbone, che inquinava di più ma si trovava a poco prezzo.

la macchina più importante fu quella a vapore, inventata da James Watt, che fu applicata in moltissimi campi: sui treni, sulle navi, nelle miniere etc.

grazie a questa macchina nacquero le industrie, infatti la macchina a vapore permetteva di controllare più macchine insieme, così nacquero agglomerati di macchine, che lavoravano insieme: le industrie. la rivoluzione industriale provocò però tanta disoccupazione, infatti le macchine presero il posto degli uomini.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...