Mese: aprile 2016

Tema su Il Principe di Machiavelli, idee politiche

Postato il Aggiornato il


nelle seguenti righe leggerete un tema scritto da me con l’obbiettivo di aiutare tutti coloro che devono affrontare un tema del genere. Spero quindi di velocizzarvi lo studio e se il testo vi sarà effettivamente d’aiuto vi invito a condividere il post su qualsiasi social network voi vogliate (sono presenti anche dei bottoni a fine articolo per farlo più semplicemente), inoltre se volete potete mandare i vostri scritti che sarò felice di pubblicare sul sito (per info visitate la pagina “manda i tuoi scritti“). Di seguito troverete il tema svolto:

Niccolò Machiavelli fu uno storico, scrittore, drammaturgo, politico e filosofo italiano. Lavorò alla corte dei Medici, come segretario, ovvero fu incaricato di tenere i rapporti con gli stati esteri. In questa veste viaggiò molto, ed ebbe la possibilità di conoscere personaggi potenti. In questo modo iniziò a formulare una propria tesi riguardo il fatto di liberare l’ Italia dalla “ruina” (rovina), ovvero da tutti i popoli che l’ avevano occupata.Tema Machiavelli

La sua opera più importante fu il principe, che donò a Lorenzo de Medici, nel tentativo che riuscisse a diventare un sovrano migliore, infatti nel principe viene spiegato come un re si dovrebbe comportare secondo Machiavelli, ovvero seguendo la politica de : “il fine giustifica i mezzi”.

Machiavelli nel Principe affermava inoltre che : “Colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare”, infatti voleva esortare Lorenzo il Magnifico a governare con meno scrupoli, e a cercare solamente di liberare l’ Italia dai domini stranieri, senza interessarsi del come, arrivando magari anche ad ingannare altre persone.

Ciò che afferma Machiavelli lo ritengo vero, è infatti vero che ci saranno sempre raggiri, persone meschine e altre che si lasceranno ingannare. Naturalmente non condivido il pensiero politico dietro l’affermazione in quanto governare in questo modo andrebbe contro la morale e l’etica, mentre colui che è al potere ha il compito e la funzione di rappresentare e portare avanti la volontà del popolo e sarebbe quindi contraddittorio decidere al posto di esso o contro i suoi interessi. Giudicando i pensieri di Machiavelli in questo periodo, trovandosi dalla parte del cittadino, ci porterà probabilmente alla conclusione sopra citata, ma proviamo a contestualizzarla:

Considerando l’ambiente e l’epoca in cui l’autore formulò questi pensieri ci sembreranno molto meno assurdi e anzi, particolarmente intelligenti. Dobbiamo considerare che all’epoca i cittadini non avevano praticamente nessun diritto o rappresentanza ed era pratica comune che i re governassero in modo simile a quello da lui promosso. Spesso le “vittime” preferite dai potenti raggiratori erano i contadini, che in quanto ignoranti erano prede perfette. Lo stesso vale ancora oggi anche se in modi diversi, ad essere vittima di un inganno o una truffa è sempre un “ignorante” ovvero qualcuno che ha ignorato alcuni particolari in un determinato contesto.

Spero che in futuro si riesca a limitare il numero di truffe compiute ai danni della gente, anche se sarà un compito molto arduo, poiché ci sarà sempre chi inganna che troverà chi ingannare.

Annunci

Tema sulle Imposizioni dei Genitori ai Figli

Postato il Aggiornato il


Nelle seguenti righe troverete un mio tema con mie opinioni, se lo troverete utile o vi farà risparmiare tempo prezioso non dimenticate di condividerlo su qualsiasi social network voi vogliate (avete a disposizione anche gli appositi bottoni a fine articolo). Inoltre se volete che i vostri srcitti (temi, ricerche o altro) vengano pubblicati sul sito passate nella pagine Manda i tuoi scritti. Chiusa questa breve parentesi ecco a voi la trwccia e il tema svolto:

 

E’ giusto che i genitori, in alcuni casi, ostacolino le scelte dei figli o indichino loro, in modo rigido, la strada da percorrere? Se lo ritieni opportuno, puoi fare dei riferimenti alla storia di Gertrude nei Promessi Sposi.

Spesso genitori e figli sono in disaccordo, frequentemente capita di discutere per ragioni più o meno serie, perché i primi e i secondi hanno caratteri o pensieri diversi.Tema genitori figli_1

I genitori dalla loro parte hanno un’ esperienza di vita, e per questo cercano di indirizzare i figli in modo da non fargli ripetere errori commessi in passato o semplicemente di fargli prendere una strada che pensano sia quella adatta per loro.

I figli però rivendicano il diritto di costruirsi la propria vita da soli, magari sbagliando, ma in modo da andare verso il futuro che vedono adatto a sé stessi.

Sicuramente se i ragazzi ascoltassero sempre cosa viene detto loro non commetterebbero piccole o grandi sciocchezze (scegliere la scuola sbagliata, farsi gli amici sbagliati, sprecare il proprio talento o mille altre cose), ma sarebbero così in grado di maturare e crescere psicologicamente? Di farsi delle idee proprie? Di essere capaci da soli di discernere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato?

Probabilmente no. Per crescere e maturare bisogna trovarsi in condizioni particolari, e ragionare su un errore compiuto o su una scelta sbagliata rientra fra queste, inoltre quando un ragazzo prende una decisione con la sua testa, senza avere la strada da percorrere già tracciata, impara a prendersi le responsabilità di ciò che fa.

La storia ci insegna che molti ragazzi che sono usciti dai binari dei genitori hanno fatto grandi cose: Einstein e Bill Gates abbandonarono la scuola, Darwin si rifiutò di fare il medico come il padre, Niki Lauda (uno dei piloti più importanti della storia della Formula 1) rifiutò di dirigere l’azienda di famiglia e molti altri personaggi che oggi studiamo nei libri o guardiamo in televisione hanno fatto scelte del genere.

Sicuramente non sono passati alla storia tutti quei ragazzi che invece non hanno avuto successo, ma ritrovarsi anni dopo a pensare a cosa sarebbe potuto accadere è meglio di fallire?

I genitori hanno quindi un compito molto difficile: quello di indirizzare e far crescere un bambino facendolo diventare un ragazzo capace di pensare e ragionare in modo autonomo secondo le regole dell’etica, della morale e dell’educazione, magari lasciandolo inciampare durante il percorso quelle volte che sarà capace di rialzarsi, senza farsi troppo male.