Tema sulle Imposizioni dei Genitori ai Figli

Postato il Aggiornato il


Nelle seguenti righe troverete un mio tema con mie opinioni, se lo troverete utile o vi farà risparmiare tempo prezioso non dimenticate di condividerlo su qualsiasi social network voi vogliate (avete a disposizione anche gli appositi bottoni a fine articolo). Inoltre se volete che i vostri srcitti (temi, ricerche o altro) vengano pubblicati sul sito passate nella pagine Manda i tuoi scritti. Chiusa questa breve parentesi ecco a voi la trwccia e il tema svolto:

 

E’ giusto che i genitori, in alcuni casi, ostacolino le scelte dei figli o indichino loro, in modo rigido, la strada da percorrere? Se lo ritieni opportuno, puoi fare dei riferimenti alla storia di Gertrude nei Promessi Sposi.

Spesso genitori e figli sono in disaccordo, frequentemente capita di discutere per ragioni più o meno serie, perché i primi e i secondi hanno caratteri o pensieri diversi.Tema genitori figli_1

I genitori dalla loro parte hanno un’ esperienza di vita, e per questo cercano di indirizzare i figli in modo da non fargli ripetere errori commessi in passato o semplicemente di fargli prendere una strada che pensano sia quella adatta per loro.

I figli però rivendicano il diritto di costruirsi la propria vita da soli, magari sbagliando, ma in modo da andare verso il futuro che vedono adatto a sé stessi.

Sicuramente se i ragazzi ascoltassero sempre cosa viene detto loro non commetterebbero piccole o grandi sciocchezze (scegliere la scuola sbagliata, farsi gli amici sbagliati, sprecare il proprio talento o mille altre cose), ma sarebbero così in grado di maturare e crescere psicologicamente? Di farsi delle idee proprie? Di essere capaci da soli di discernere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato?

Probabilmente no. Per crescere e maturare bisogna trovarsi in condizioni particolari, e ragionare su un errore compiuto o su una scelta sbagliata rientra fra queste, inoltre quando un ragazzo prende una decisione con la sua testa, senza avere la strada da percorrere già tracciata, impara a prendersi le responsabilità di ciò che fa.

La storia ci insegna che molti ragazzi che sono usciti dai binari dei genitori hanno fatto grandi cose: Einstein e Bill Gates abbandonarono la scuola, Darwin si rifiutò di fare il medico come il padre, Niki Lauda (uno dei piloti più importanti della storia della Formula 1) rifiutò di dirigere l’azienda di famiglia e molti altri personaggi che oggi studiamo nei libri o guardiamo in televisione hanno fatto scelte del genere.

Sicuramente non sono passati alla storia tutti quei ragazzi che invece non hanno avuto successo, ma ritrovarsi anni dopo a pensare a cosa sarebbe potuto accadere è meglio di fallire?

I genitori hanno quindi un compito molto difficile: quello di indirizzare e far crescere un bambino facendolo diventare un ragazzo capace di pensare e ragionare in modo autonomo secondo le regole dell’etica, della morale e dell’educazione, magari lasciandolo inciampare durante il percorso quelle volte che sarà capace di rialzarsi, senza farsi troppo male.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...