Tema Argomentativo sulla satira

Postato il Aggiornato il


Spero che questo articolo vi aiuti e vi faccia risparmiare tempo, se così fosse condividete l’articolo alla fine con i bottoni su facebook o twitter e se volete inviate i vostri scritti seguendo queste semplici istruzioni.

 

Di seguito presento la traccia e lo svolgimento del tema

Traccia:

La Vignette sul terremoto in Italia pubblicata da Charlie Hebdo "Terremoto all'italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne". L'ultima, ("lasagne"), presenta diverse persone sepolte da strati di pasta. ANSA+++ EDITORIAL USE ONLY NO SALES NO ARCHIVE+++è giusto dare un limite alla satira?

Svolgimento:

Per secoli è stato il vanto degli scrittori latini nei confronti dei greci, l’unico genere letterario che non ha origine nella terra di Atene e Sparta, di cosa si tratta? Della satira.

Nata come genere letterario nell’Impero Romano ma sviluppatasi successivamente sotto altre forme (come vignette e discorsi orali), la satira è un genere letterario che ha come intento il mettere in risalto gli aspetti criticabili di qualcuno o qualcosa, per portarli agli occhi dell’opinione pubblica, mediante un mix di sarcasmo, ironia e comicità.

Da sempre si discute se sia corretto o meno utilizzare questo stile tagliente e spregiudicato in quanto spesso gli oggetti dell’opera finiscono per sentirsi presi in giro, offesi o attaccati.

La satira ha molti aspetti positivi, in quanto è un ottimo mezzo per mettere sotto i riflettori determinate questioni, poiché fa leva sulla semplicità e sul suscitare divertimento in chi legge, e proprio per queste sue caratteristiche dà la possibilità di arrivare ad un pubblico enorme e farlo interessare al problema. Quante persone trovano piacevole la lettura di articoli sulla politica, sulla difesa dell’ambiente, sui problemi della società, sulla corruzione o sulla mafia? Penso poche, e comunque quando leggiamo cose del genere ce ne dimentichiamo dopo poche settimane (se non molto prima).

Il nostro cervello “salva” principalmente i ricordi che si legano ad un’emozione, qualunque essa sia e poiché le letture sopra citate difficilmente ci fanno emozionare, non le ricordiamo. Un’opera satirica (che sia una vignetta o un testo) ha questo potere: ci fa ridere o arrabbiare, catturando quindi la nostra attenzione. La satira sacrifica la presenza di molte informazioni tecniche a favore dell’immediatezza e dell’aspetto comico rendendo la lettura più veloce e scorrevole, poiché è indirizzata a farci incuriosire e interessare all’argomento mentre saremo noi successivamente e in altre forme a documentarci a riguardo se saremo interessati.

D’altra parte proprio perché la satira mette in mostra gli aspetti negativi riguardo uno specifico tema, spesso capita che un gruppo di persone o un singolo individuo si risentano per ciò che è espresso e per modo in cui è espresso, anche perché spesso e volentieri la satira tocca argomenti molto delicati come la religione (vedi charlie hebdo) di cui si discute da tempo e prendendo una posizione si offende necessariamente l’altra parte.

Scrivere satira con intelligenza e per informare o portare l’attenzione su qualcosa è estremamente utile e costruttivo, ma bisogna essere capaci di non oltrepassare il confine che porterebbe alla maleducazione o alla semplice offesa, la satira deve essere costruttiva per essere tale altrimenti diventa un’opera denigrativa. In questi casi è difficile stabilire fin dove si possa spingere la libertà d’espressione e spesso stà all’intelligenza e alla capacità dell’autore di trovare una giusta misura.

La satira è un veicolo per arrivare alle persone e colpirle, può essere anche di dubbio gusto (charlie hebdo sul terremoto di amatrice) ma se prende i soggetti della critica indipendentemente dal paese di appartenenza, dalla religione, dall’orientamento sessuale o quant altro (charlie hebdo ha realizzato una vignetta di dubbio gusto anche sulla strage di Nizza) non deve subire limitazione, piuttosto bisogna lavorare sull’intelligenza del lettore che deve capire cosa ha di fronte e reagire di conseguenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...