Confronto Cicerone e Sallustio su Catilina

Postato il Aggiornato il


Se questo articolo vi darà una mano per lo studio, facendovi risparmiare tempo prezioso, allora ricordatevi di condividere l’articolo con i bottoni alla fine su facebook, twitter o qualsiasi altro social network, un piccolo gesto che per me vuol dire tanto. Inoltre vi ricordo di mettere un mi piace alla pagina facebook del sito e la possibilità di inviare i vostri scritti (che saranno pubblicati) alla mail “tuttoperlascuola.com@gmail.com”.

Di seguito vi propongo 2 diverse esposizioni degli stessi concetti, una più schematica organizzata in punti e un’altra in forma discorsiva, in modo da permettervi di scegliere quella che vi fa più comodo e per avere una visione più completa.

DISCORSIVOcicerone

Sia Cicerone che Sallustio hanno un giudizio negativo nei confronti di Catilina, anche se in modo diverso: il primo infatti vive contemporaneamente allo svolgersi degli eventi ed è di parte in quanto Catilina è un suo avversario politico, il secondo invece vive 20 anni dopo e non ha un nessun interesse personale a privilegiare una versione piuttosto che un’altra.

Cicerone al contrario è estremamente interessato a dipingere Catilina come un uomo malvagio, meschino, maligno e malato in quanto deve difendere la sua posizione e la sua visione politica. Sallustio invece può agire da storico e avere un giudizio maggiormente obbiettivo, ad esempio si sofferma ad analizzare quelle che sono le ragioni politiche e sociali alla base della congiura e le motivazioni portato un cosi grande seguito alla manovra di Catilina mentre Cicerone descrive coloro che seguirono Catilina semplicemente come un insieme di persone malvagie e tra le più negative di Roma mentre.

Infine Sallustio descrive gli eventi facendo trasparire una critica verso la società in cui viveva Catilina (e in cui rivede la propria) in quanto considera questa come la vera causa delle malvagità di Catilina, che è solo un figlio del proprio tempo. Cicerone invece deve mostrare Catilina come un colpevole senza attenuanti e pertanto lo ritiene l’unico responsabile delle sue azioni.

A PUNTI

. Entrambi vedono Catilina come un personaggio negativo, ma in modi diversi

. Cicerone vive in contemporaneamente allo svolgersi dei fatti ed ha interesse a mostrare Catilina come un personaggio Estremamente malvagio, meschino, maligno e malato in quanto è un suo nemico politico

. Sallustio vive 20 anni dopo i fatti e vede la questione senza dover privilegiare una posizione per i suoi interessi e può analizzare la vicenda da storico

– analizza le ragioni politiche e sociali alla base della congiura di Catilina

– critica la società di Catilina (in cui rivede la propria) e la ritiene la vera causa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...