poeia billaggio neve

Tema sulla poesia Dormire di Ungaretti

Postato il Aggiornato il


Se questo articolo vi darà una mano per lo studio, facendovi risparmiare tempo prezioso, allora ricordatevi di condividere l’articolo con i bottoni alla fine su facebook, twitter o qualsiasi altro social network, un piccolo gesto che per me vuol dire tanto. Inoltre vi ricordo di mettere un mi piace alla pagina facebook del sito e la possibilità di inviare i vostri scritti (che saranno pubblicati) alla mail “tuttoperlascuola.com@gmail.com”.

Di seguito la traccia, la poesia e lo svolgimento del tema:

 

Le emozioni di una poesia di Ungaretti: Dormire

Vorrei imitare
questo paese
adagiato
nel suo camice
di neve.”

 

 

Dormire è un delle poesie più belle di Ungaretti e viene scritta durante la 1a Guerra Mondiale.

La data e il contesto storico sono fondamentali per comprendere questa breve ma profonda poesia: La guerra infatti aveva toccato nel profondo Ungaretti, che vivendola sulla sua pelle non la vedeva più come un insieme di gesta eroiche, di imprese memorabili, ma come sofferenza, morte e struggimento dell’anima. In trincea Ungaretti infatti non aveva un momento di pace, doveva sempre essere attento e vigile per evitare tutti i possibili pericoli. I suoi sentimenti sono ben descritti nella poesia Soldati, nella quale paragona per l’appunto i soldati a delle foglie d’autunno (Si sta come d’inverno/ sugli alberi le foglie). L’unico momento di pace, a detta del poeta, era il breve momento dell’alba, come scrive nella poesia Mattina, nella quale in pochissime parole fa comprendere alla perfezioni le sue sensazioni sulla nascita del sole vista dalla trincea.

Tipico di Ungaretti infatti è uno stile breve e conciso che colpisce dritto il lettore con un’immagine forte ma lasciandogli la possibilità di immaginare tutto il resto e di arricchire quei pochi versi con la propria esperienza e le proprie idee.

Dormire si fonda sulla contrapposizione tra la quiete di un paesino innevato e l’anima del poeta resa irrequieta dalla guerra, questo diventa quindi una metafora dei desideri del poeta: pace interiore, calma, serenità e protezione. La neve adagiata delicatamente sul paesino richiama perfettamente questi sentimenti, poiché il manto di neve ovattato, soffice e delicato unito alla calma tipica dei piccoli paesi, evoca nel lettore immagini di serenità, pace e armonia con sè stessi.

Per quanto riguarda la mia impressione personale il poeta è riuscito perfettamente nel suo intento, le emozioni sopra citate infatti sono state proprio le prime che ho provato.

Infine ammiro e apprezzo molto Ungaretti per la sua capacità di esprimersi in modo breve e conciso riuscendo al contempo ad essere chiaro e a suscitare un mare di emozioni, che gli hanno permesso di dare vita a poesia eterne e bellissime, in grado di farci arrivare nei posti più remoti del nostro “io”, nel cosiddetto “porto sepolto”.

Annunci